domenica 5 ottobre 2008

DFW


“Nei tempi bui, quello che definisce una buona opera d’arte mi sembra che sia la capacità di individuare e fare la respirazione bocca a bocca a quegli elementi di umanità e di magia che ancora sopravvivono ed emettono luce nonostante l’oscurità dei tempi.”
Questo e molto altro ha scritto David Foster Wallace, autore da me molto amato ma che potrò solo più ri-leggere perché è scomparso il 12 settembre.
Basta così, si è spenta un'altra luce e il mondo è un po' più buio.

lunedì 18 agosto 2008

La Pace 2008


In anticipo sulla data abituale di San Desiderio, perché saremo altrove, la consueta visita a La Pace.
Ne abbiamo parlato già qui, ma quest'anno ai consueti piatti di trota affumicata e in carpaccio, al salmerino al curry, agli involtini di lucioperca in carpione, ai risotti al persico e cannella e alla tinca con aglio e prezzemolo, e al fritto misto, asciutto e gustoso come pochi, la cucina di Marco ci ha preparato un fritto monumentale di rane, un filetto di salmerino al gorgonzola e tartufo e un filetto di trota fario al burro e salvia. Ci siamo commossi.
Fine dei giochi con frutta sciroppata e una torta coperta di panna.
La sera, a casa, insalatina leggera... più per i sensi di colpa che per necessità ché ormai il pranzo era stato archiviato senza conseguenze.

Proposta unica per ingredienti, qualità degli stessi, e maestria nella preparazione, bravi!

sabato 9 agosto 2008

Désolé



Si, desolati di dover tornare a casa e lasciare Kalliste.
Ma Désolé è anche il nome di questo dessert che Delphine (L'Archivolto : dans la vieille ville, 3° ruelle à gauche dans la rue Doria, reservez à l'avance : 04 95 73 17 58) ha inventato quest'anno: macaron farciti al mou e sale di Guerande, crema a specchio, panna e una boule di gelato al caramello.
Desolato di dovere dire no a una tale delizia dopo una cena succulenta con piatti colmi di terrina di coniglio, mele fondant ricoperte di chevre al forno, monumentali spaghetti alla bottarga, brandade di triglie al finocchio? No, giammai!
Poi le spiagge uniche, l'entroterra così pieno di cultura e tradizione...
Mi ricorderò anche una pizza alla panna con cipolle stufate e funghi mangiata sul mare.

Merci Kalliste!

domenica 20 luglio 2008

Crudo per caldo


Eh, si... il mare! Magari, ma è ancora presto...
Durante le ultime settimane in città, nn si può smettere di cucinare per incontrare gli amici e provare piatti nuovi. Di accendere fornelli e forno nn se ne parla, quindi abbiamo preparato piatti così:

dip di ceci con carotine
involtini di zucchini marinati nel sakè con caprino fresco
bicchiere di crema di burrata e gelatina di pomodoro
tartare di ombrina con salsa allo zafferano
carpaccio di mazzancolle allo zenzero
tajarin con la bottarga di tonno (qui si, una pentola sul fuoco l'abbiamo messa...)
insalata di crostacei e germogli di ravanello, porro e sorgo con fiori di zucchino
tataki di tonno alle 5 spezie
ricciola fiammeggiata alle erbe
gelatina di birra belga con scaglie di cioccolato e panna alla cannella

Poi, dato che ho perso i menù, nn mi ricordo altro...

lunedì 30 giugno 2008

Da Guido, Bagno 139


Pranzo al mare? Certo, volentieri!
Ognuno dice la sua sulla destinazione, poi prevale un amico che indica un ristorantino sulla spiaggia proprio bello dove da alcuni anni si reca con piacere: Rimini, anzi, quasi Riccione.
Chissà, dico io...
Ci vogliono 5 minuti per capire che però che nn siamo nel solito "ristorantino sulla spiaggia" come ce ne sono a decine in questa zona, anzi, no... si avverte un fondo di deja vu, nella modalità di servizio, nel fatto che comunque siamo all'aperto, in ciabatte sotto un ombrellone, a due passi dal mare, ma i piatti... beh, sono di alto livello, lo capisci dal menù, lo senti quando te li servono.
Poi si scopre che hanno una stella Michelin fresca fresca...

Ristorante Guido
Lungomare Spadazzi, 12 - Miramare di Rimini - Tel. 0541.374612
http://www.ristoranteguido.it/

lunedì 26 maggio 2008

Dal vago sapore


Dopo un mese di torte di verdura - nn rinnego nulla, per carità, le mie sono ottime, però avete notato come si diventi gastronomicamente seriali quando nn si è in forma? - ora finalmente mi sono sbloccato e sto riavviando la buona pratica del cucinare vario e appena posso.

Sabato: scampi grigliati e sashimi di salmone scozzese; questo invece è successo domenica: mazzancolle sgusciate appena scottate in abbondante zuppa di miso, raffreddate, private della testa e poi tagliate a tartare. Con la zuppa ho bagnato il riso Acquarello tostato in compagnia di un allegro soffritto di scalogno, aglio giovane, menta e timo; poco prima di togliere dal fuoco l'ormai risotto dal vago sapore oriental-ittico, prima della canonica mantecatura al parmigiano, butto lì un zucchino tenero a brunoise per una veloce appassitura. Servo con un coreografico e opportuno pizzico di cinq épices.

Dopo il bis di risotto tolgo dal forno la trevigiana e i finocchi tagliati sottili messi a cuocere sotto il grill dopo averli irrorati di olio aromatizzato alle erbe, aglio e zenzero. Metto per bene le verdure nel piatto e le affianco con un paio di quenelle di mazzancolle, che ognuno sceglie se condire con olio e pepe.

Poi la sera abbiamo preso una pizza, però stamattina alle 8:00 sfilettavo fischiettando un dentice che ora marina tranquillo nel frigo.

Si riparteeee!

mercoledì 16 aprile 2008

Spoon dinner

Immagine di Nobu west

Aperitivo rinforzato (come dicono le PR) per i colleghi di Mic, 12 persone piacevoli da far divertire con assaggi nn usuali.

Complice l'interessata lettura dell'ultimo Nobu -Nobu west- ho elaborato alcune suggestioni interessanti che hanno portato a questo menù:

bocconcini di feta e cernia affumicata (reset sensoriale)
vol au vent con Toma piemontese (fuoco di sbarramento per i più affamati)
vol au vent con Montebore e guarnitura di sfilacci di cavallo
passata di piselli fredda con uova di pesce (salmone e lompo)
vellutata di patate e spugnole fresche
tartare di astice e mazzancolle con insalata riccia
bocconcini di ricciola con bottarga di muggine e asparagi
carpaccio di astice allo zenzero con ricotta e uovo di quaglia al sakè
penne agli zucchini con salmone fresco
ravioli d'asino
curry di verdure
pane e cioccolato (a questo punto ci voleva una cosa basic... anche se il cioccolato in questione proveniva dal mitico N'Uovo di Gobino)

Tutti felici... ma quanto è bello cucinare?!?

domenica 16 marzo 2008

Wow, Torino


Rapida occhiata a Torino come contorno all'appuntamento più atteso con lo spettacolo del Cirque du Soleil.


Cenino veloce da Otium Bottego 6, esempio di intelligente connubio di gastronomia e mercanzie affini. Ottimi piatti che avrebbero meritato un diverso approccio... ma torneremo!


Il mattino dopo una folle incursione da Gobino che ci ha arricchito di questo oggetto di design.
Una passata da Eataly e di corsa casa... bye bye

lunedì 21 gennaio 2008

Tutti da Alice

nuovo_1.jpg
Grossa sorpresa e indirizzo da tenere presente per le prossime trasferte milanesi. Un menù intelligente, con spazio per la creatività e l'inusuale, ma in tavola, nel piatto, sapori distinti e cotture ideali. Il tutto condito da quel tocco di femminilità che nn guasta.
Finalmente una nuova esperienza gastronomica con un livello qualità/prezzo notevole in una Milano che per mia personalissima osservazione vedo un po' in bilico... tra essere e apparire.

Le foto del cellulare sono orrende, ma tant'è...